Sull'abbozzo di una (non ordinaria) tesi di laurea