La malattia terminale: un difficile banco di prova per il consenso informato