Sacralità della vita, qualità della vita: un dialogo possibile?