A proposito del fenomeno delle "concessioni amministrative" nell'esperienza romana