«La penna è stanca». Manzoni nel decennio di preparazione