Rococò, classicismo e neoclassicismo: il dialogo ininterrotto