«chi una volta la vede s'innamora di goderla». Alcune note sui palazzi di Bene tra XV e XVII secolo