Con la presente sentenza della Grande Camera, la Corte di Giustizia ‘bacchetta’ l’Ungheria sulle modalità di trattamento dei richiedenti asilo nelle zone di transito ai confini con la Serbia. La sentenza si inserisce in un filone di giurisprudenza che mira a riportare la disciplina e la prassi ungherese in materia di asilo all’interno del perimetro della legalità europea, dopo che la riforma di Orbán del 2015 ha costruito un sistema, più volte criticato da numerose istanze internazionali, che nega i diritti delle persone e gli strumenti di tutela giurisdizionale, e si pone per molti aspetti in netto contrasto con i principi dello stato di diritto.

La Corte di Giustizia riporta le ‘zone di transito’ ungheresi dentro il perimetro del diritto (Europeo) e dei diritti (fondamentali)

MARIN, Luisa
2020

Abstract

Con la presente sentenza della Grande Camera, la Corte di Giustizia ‘bacchetta’ l’Ungheria sulle modalità di trattamento dei richiedenti asilo nelle zone di transito ai confini con la Serbia. La sentenza si inserisce in un filone di giurisprudenza che mira a riportare la disciplina e la prassi ungherese in materia di asilo all’interno del perimetro della legalità europea, dopo che la riforma di Orbán del 2015 ha costruito un sistema, più volte criticato da numerose istanze internazionali, che nega i diritti delle persone e gli strumenti di tutela giurisdizionale, e si pone per molti aspetti in netto contrasto con i principi dello stato di diritto.
9791259760746
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11383/2141632
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact