Il criterio di compatibilità nella disciplina dei contratti