Un manoscritto vaticano evidenzia la diffusione del 'genere letterario' concepito dal Giovio, cui si riferirà per imitazione l'Alciato nella sua silloge milanese. Esso rileva per la migliore comprensione delle dinamiche di elaborazione del CIL e suscita un sempre più ampio interesse, intrinseco, alla costituzione creitica di un'opera nel contempo testuale ed iconografica, assurta al ruolo indiscusso di modello metodologico.

La fortuna di un modello: i Collectanea di Benedetto Giovio attraverso un codice non noto al Mommsen

LAZZARINI, SERGIO
2007

Abstract

Un manoscritto vaticano evidenzia la diffusione del 'genere letterario' concepito dal Giovio, cui si riferirà per imitazione l'Alciato nella sua silloge milanese. Esso rileva per la migliore comprensione delle dinamiche di elaborazione del CIL e suscita un sempre più ampio interesse, intrinseco, alla costituzione creitica di un'opera nel contempo testuale ed iconografica, assurta al ruolo indiscusso di modello metodologico.
9788895152387
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
collectanea.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: DRM non definito
Dimensione 762.2 kB
Formato Adobe PDF
762.2 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11383/2788
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact