La cultura artistica come spostamento di confini