SOSTITUZIONE VALVOLARE ASSOCIATA A RIVASCOLARIZZAZIONE MIOCARDICA: AUMENTO DEL RISCHIO OPERATORIO?