Sul concetto di trasduttività in Gilbert Simondon e il suo valore epistemico