Il caso Di Bella:una disubbidienza alle terapie tradizionali?