Il lavoro affronta i profili problematici introdotti nel sustena commisurativo delineato dagli articoli 132 e 133 del codice penale da parte della introduzione dei riti differenziati ad opera del codice di procedura penale che ha adottato il c.d. modello accusatorio. In particolre vengono analizzati i riflessi che i riti differenziati hanno avuto sui fini della pena, sulla criteriologia commisurativa e sulla effettività delle sanzioni.

Pena e riti differenziati: la crisi del modello 'unitario' di commisurazione

MANNOZZI, GRAZIA
2000

Abstract

Il lavoro affronta i profili problematici introdotti nel sustena commisurativo delineato dagli articoli 132 e 133 del codice penale da parte della introduzione dei riti differenziati ad opera del codice di procedura penale che ha adottato il c.d. modello accusatorio. In particolre vengono analizzati i riflessi che i riti differenziati hanno avuto sui fini della pena, sulla criteriologia commisurativa e sulla effettività delle sanzioni.
pena; patteggiamento; giudizio abbraviato; commisurazione della pena; retribuzione; prevenzione generale; prevenzione speciale
Mannozzi, Grazia
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11383/1488799
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact