Alcune considerazioni sulla giurisprudenza in tema di prova e di quantificazione del cosiddetto danno alla professionalità