“Errori” degli ausiliari del giudice e revocazione della sentenza