Recensione a Giuseppe Calandra, Gentile e il fascismo