ABLAZIONE DELLA FIBRILLAZIONE ATRIALE: LA CURA NON SARA' PIU' PERICOLOSA DELLA MALATTIA?