Il contributo ricostruisce, nella prospettiva del diritto penale, il modello di gestione del rischio di offesa correlato all'impiego di organismi geneticamente modificati (OGM), evidenziando come grazie alla direttiva 2008/99/CE sulla tutela penale dell'ambiente l'approccio precauzionale, tipico della disciplina degli OGM, sia fatto confluire dal legislatore comunitario nella cornice dei reati d'evento gravemente offensivi dell'ambiente, descritti all'art. 3 della direttiva stessa.

Tra sicurezza alimentare e sicurezza ambientale: il principio di precauzione nella gestione penale del rischio da OGM

PERINI, CHIARA
2014

Abstract

Il contributo ricostruisce, nella prospettiva del diritto penale, il modello di gestione del rischio di offesa correlato all'impiego di organismi geneticamente modificati (OGM), evidenziando come grazie alla direttiva 2008/99/CE sulla tutela penale dell'ambiente l'approccio precauzionale, tipico della disciplina degli OGM, sia fatto confluire dal legislatore comunitario nella cornice dei reati d'evento gravemente offensivi dell'ambiente, descritti all'art. 3 della direttiva stessa.
9788814182365
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11383/1888120
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact