OBIETTIVO: Il presente studio caso-controllo intende stimare l’associazione tra il rischio di carcinoma squamocellulare della testa e del collo (SCCHN) ed alcuni fattori legati allo stile di vita e polimorfismi dei geni oncosoppresori p53 e p73 coinvolti nel processo di cancerogenesi. METODI: Duecento-ottantatre casi e duecento-novantacinque controlli ospedalieri, arruolati dal 2002 al 2007 presso il Policlinico Universitario “A.Gemelli”, sono stati genotipizzati per alcuni comuni polimorfismi di p53 (introne 3, esone 6, esone 4 codone 72) e p73 esone 2. Sono stati raccolti i dati riguardanti lo stile di vita ed esposizioni professionali tramite questionario. L’associazione tra SCCHN e i fattori di rischio studiati è stata calcolata tramite gli Odds Ratios (ORs) aggiustati mediante analisi multivariata e relativi intervalli di confidenza (CI) al 95%. RISULTATI: Considerando le esposizioni ambientali, il rischio di SCCHN risulta associato a consumo di alcol >30 g/die (OR= 17.78, 95% CI: 6.70 - 47.17), di sigarette >25 pacchetti-anno (OR= 8.23, 95% CI: 4.73 - 14.32) e ad un basso consumo (< 14 porzioni/settimana) di frutta e vegetali (OR= 2.70, 95% CI: 1.73 - 4.21). Relativamente alle esposizioni professionali il rischio di SCCHN è aumentato per esposizione a solventi, ammine aromatiche e radiazioni ionizzanti (p-value <0.05). Per quanto riguarda i fattori genetici è stato osservato un aumento del rischio di SCCHN tra i soggetti portatori dell’allele mutato di p73 (OR= 1.51; 95% CI: 0.94 - 2.43), sebbene non significativo. Non è stata osservata alcuna interazione tra i fattori di rischio ambientale e i polimorfismi indagati. CONCLUSIONI: Questo studio conferma il ruolo dell’alcol e del fumo nella eziologia di SCCHN, evidenziando il ruolo protettivo di frutta e vegetali. Come già descritto in letteratura, questo studio evidenzia un’associazione tra la variante polimorfica di p73 e il rischio di SCCHN che potrebbe risultare statisticamente significativa aumentando la dimensione campionaria.

Studio dei fattori di rischio ambientali per il carcinoma testa-collo ed interazioni con polimorfismi di geni coinvolti nel ciclo cellulare

GIANFAGNA, FRANCESCO;
2007

Abstract

OBIETTIVO: Il presente studio caso-controllo intende stimare l’associazione tra il rischio di carcinoma squamocellulare della testa e del collo (SCCHN) ed alcuni fattori legati allo stile di vita e polimorfismi dei geni oncosoppresori p53 e p73 coinvolti nel processo di cancerogenesi. METODI: Duecento-ottantatre casi e duecento-novantacinque controlli ospedalieri, arruolati dal 2002 al 2007 presso il Policlinico Universitario “A.Gemelli”, sono stati genotipizzati per alcuni comuni polimorfismi di p53 (introne 3, esone 6, esone 4 codone 72) e p73 esone 2. Sono stati raccolti i dati riguardanti lo stile di vita ed esposizioni professionali tramite questionario. L’associazione tra SCCHN e i fattori di rischio studiati è stata calcolata tramite gli Odds Ratios (ORs) aggiustati mediante analisi multivariata e relativi intervalli di confidenza (CI) al 95%. RISULTATI: Considerando le esposizioni ambientali, il rischio di SCCHN risulta associato a consumo di alcol >30 g/die (OR= 17.78, 95% CI: 6.70 - 47.17), di sigarette >25 pacchetti-anno (OR= 8.23, 95% CI: 4.73 - 14.32) e ad un basso consumo (< 14 porzioni/settimana) di frutta e vegetali (OR= 2.70, 95% CI: 1.73 - 4.21). Relativamente alle esposizioni professionali il rischio di SCCHN è aumentato per esposizione a solventi, ammine aromatiche e radiazioni ionizzanti (p-value <0.05). Per quanto riguarda i fattori genetici è stato osservato un aumento del rischio di SCCHN tra i soggetti portatori dell’allele mutato di p73 (OR= 1.51; 95% CI: 0.94 - 2.43), sebbene non significativo. Non è stata osservata alcuna interazione tra i fattori di rischio ambientale e i polimorfismi indagati. CONCLUSIONI: Questo studio conferma il ruolo dell’alcol e del fumo nella eziologia di SCCHN, evidenziando il ruolo protettivo di frutta e vegetali. Come già descritto in letteratura, questo studio evidenzia un’associazione tra la variante polimorfica di p73 e il rischio di SCCHN che potrebbe risultare statisticamente significativa aumentando la dimensione campionaria.
P., Gallì; G., Cadoni; M., Volante; R., Amore; D., Arzani; E., De Feo; Gianfagna, Francesco; G., Plaudetti; G., Ricciardi; S., Boccia
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11383/2006520
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact