Sulla presunta irrilevanza del clamore mediatico intorno a vicende giudiziarie