Reinterventi di rivascolarizzazione miocardica: l’arteria radiale, un valido condotto