L’esclusione invia d’urgenza dell’unico accomandatario: le prerogative dell’accomandante, il “vuoto di potere gestorio” e il destino della società