Il ruolo dimenticato dei silentiarii alla corte di Costantinopoli