Un'osservazione sulla formula di Gordon e Shapiro