L'autore esamina in modo critico la tesi, sostenuta da alcuni studiosi, secondo cui alla luce delle trasformazioni costituzionali, che hanno segnato il passaggio dallo stato legislativo allo stato costituzionale di diritto, é necessario abbandonare il giuspositivismo come teoria capace di dare conto dell'esperienza giuridica. L'autore sostiene, al contrario, che il giuspositivismo -sia pure non quello di matrice ottocentesca- é ancora in grado di costituirsi come una teoria idonea.

Sulla (vera o presunta) necessitá di abbandonare il giuspositivismo

renteria
2020

Abstract

L'autore esamina in modo critico la tesi, sostenuta da alcuni studiosi, secondo cui alla luce delle trasformazioni costituzionali, che hanno segnato il passaggio dallo stato legislativo allo stato costituzionale di diritto, é necessario abbandonare il giuspositivismo come teoria capace di dare conto dell'esperienza giuridica. L'autore sostiene, al contrario, che il giuspositivismo -sia pure non quello di matrice ottocentesca- é ancora in grado di costituirsi come una teoria idonea.
Giuspositivismo, costituzionalismo, stato costituzionale di diritto, postpositivismo, nonpositivismo
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11383/2096115
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 0
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact