Obiettivi: L’articolo approfondisce il caso del lavoro autonomo professionale tentando di fare emergere, mediante l’analisi di questa categoria, considerazioni utili a valutare la coerenza dell’attuale quadro giuridico e istituzionale con la più recente evoluzione dell’economia e della società nell’ottica dei c.d. mercati transizionali del lavoro. Metodologia: Ricostruzione del quadro giuridico-istituzionale alla luce dell’analisi della letteratura. Risultati: L’analisi delle recenti trasformazioni del modello italiano di regolazione delle professioni (attori, regole e strumenti) mostra un quadro di luci ed ombre, in cui non sembra ancora emergere il nodo centrale della tutela della professionalità e la rappresentanza stenta a definire innovative strategie di azione. Limiti e implicazioni: Analizzando dispositivi di recente istituzione in un quadro giuridico-istituzionale ancora in fieri il contributo rappresenta solo un primo tentativo di tracciare coordinate di ricerca utili per successivi approfondimenti. Originalità: L’articolo approfondisce il caso delle professioni non organizzate in ordini e collegi presentando una prima valutazione sulla possibilità che il quadro giuridicoistituzionale sia idoneo a configurare un innovativo sistema di tutele coerenti con trasformazioni in atto, andando oltre la funzione di regolazione del mercato e tutela dei consumatori/utenti

Il lavoro (autonomo) tra vecchie tutele e promozione della professionalità: i limiti della legge n. 81/2017 e l’attualità della legge n. 4/2013

Casano L
2018

Abstract

Obiettivi: L’articolo approfondisce il caso del lavoro autonomo professionale tentando di fare emergere, mediante l’analisi di questa categoria, considerazioni utili a valutare la coerenza dell’attuale quadro giuridico e istituzionale con la più recente evoluzione dell’economia e della società nell’ottica dei c.d. mercati transizionali del lavoro. Metodologia: Ricostruzione del quadro giuridico-istituzionale alla luce dell’analisi della letteratura. Risultati: L’analisi delle recenti trasformazioni del modello italiano di regolazione delle professioni (attori, regole e strumenti) mostra un quadro di luci ed ombre, in cui non sembra ancora emergere il nodo centrale della tutela della professionalità e la rappresentanza stenta a definire innovative strategie di azione. Limiti e implicazioni: Analizzando dispositivi di recente istituzione in un quadro giuridico-istituzionale ancora in fieri il contributo rappresenta solo un primo tentativo di tracciare coordinate di ricerca utili per successivi approfondimenti. Originalità: L’articolo approfondisce il caso delle professioni non organizzate in ordini e collegi presentando una prima valutazione sulla possibilità che il quadro giuridicoistituzionale sia idoneo a configurare un innovativo sistema di tutele coerenti con trasformazioni in atto, andando oltre la funzione di regolazione del mercato e tutela dei consumatori/utenti
lavoro autonomo, professionalità, professioni, transizioni occupazionali
Casano, L
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
dri_2018_2_casano.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: DRM non definito
Dimensione 830.11 kB
Formato Adobe PDF
830.11 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11383/2126528
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact