Nel presente contributo viene esaminata la disciplina fiscale «di favore» prevista per gli immobili di interesse storico o artistico, ai fini delle imposte dirette (come risultante dalle modifiche del 2012) e ai fini delle imposte sui trasferimenti (come risultante dalle modifiche del 2013), evidenziando il progressivo “ridimensionamento” dei benefici fiscali, oltre che i principali profili di “incoerenza”, sia interni a tale disciplina, che esterni (derivanti dal confronto con le agevolazioni fiscali previste per la generalità degli immobili)

Note sulla disciplina impositiva degli immobili di interesse storico o artistico

STEFANO ZAGA'
2022

Abstract

Nel presente contributo viene esaminata la disciplina fiscale «di favore» prevista per gli immobili di interesse storico o artistico, ai fini delle imposte dirette (come risultante dalle modifiche del 2012) e ai fini delle imposte sui trasferimenti (come risultante dalle modifiche del 2013), evidenziando il progressivo “ridimensionamento” dei benefici fiscali, oltre che i principali profili di “incoerenza”, sia interni a tale disciplina, che esterni (derivanti dal confronto con le agevolazioni fiscali previste per la generalità degli immobili)
Immobili di interesse storico o artistico trattamento impositivo
Zaga', Stefano
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Zagà_Note sulla disciplina impositiva degli immobili di interesse storico o artistico_1_2022.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: DRM non definito
Dimensione 318.93 kB
Formato Adobe PDF
318.93 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11383/2138451
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact