Nel contributo viene analizzata in chiave critica la soluzione interpretativa prospettata dall’Agenzia delle entrate secondo cui, a fronte di un mandato senza rappresentanza ad acquistare un bene immobile, il ritrasferimento del bene dal mandatario al mandante rappresenterebbe un “trasferimento gratuito” da assoggettare a imposta sulle successioni e donazioni. In senso contrario, tale ritrasferimento deve ritenersi neutrale ai fini dell’imposizione indiretta, trattandosi di un trasferimento di natura strumentale, meramente formale e interinale, che non comporta alcun “trapasso di ricchezza” a favore del mandante.

Il regime di imposizione indiretta del mandato senza rappresentanza ad acquistare un bene immobile

Stefano Zaga'
2022-01-01

Abstract

Nel contributo viene analizzata in chiave critica la soluzione interpretativa prospettata dall’Agenzia delle entrate secondo cui, a fronte di un mandato senza rappresentanza ad acquistare un bene immobile, il ritrasferimento del bene dal mandatario al mandante rappresenterebbe un “trasferimento gratuito” da assoggettare a imposta sulle successioni e donazioni. In senso contrario, tale ritrasferimento deve ritenersi neutrale ai fini dell’imposizione indiretta, trattandosi di un trasferimento di natura strumentale, meramente formale e interinale, che non comporta alcun “trapasso di ricchezza” a favore del mandante.
Zaga', Stefano
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
S. Zagà Rivista della Guardia di Finanza n. 5 2022.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Copyright dell'editore
Dimensione 713.94 kB
Formato Adobe PDF
713.94 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11383/2144431
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact