Nel presente contributo si è cercato di isolare alcuni momenti della ricezione della figura di Cratino nel mondo romano e di tracciarne un sintetico profilo da un epoca in cui i suoi testi erano ancora con certezza disponibili e verisimilmente letti (fino al II-III sec. d.C.), a una in cui, ormai, le sue opere sono note solamente tramite citazioni di seconda mano: la sua presenza all’interno di riflessioni di poetica, in Orazio e in Persio, la sua connotazione come poeta dell’ਕȡȤĮ૙Į (prisca comoedia) e, quindi, l’irruenza e la franchezza dei suoi attacchi (audax), la sua menzione all’interno della triade dei commediografi dell’archaia, a partire ancora da Orazio che riprende con verisimiglianza un canone ellenistico, e quindi il suo esserne considerato uno degli autori più rappresentativi (praecipuus), fino alla sua menzione in trattati sulla storia dei generi drammatici, che gli riconoscono la già menzionata preminenza, e in opere di metrica, nelle quali sono richiamate caratteristiche peculiari della sua arte versificatoria.

Priscus, audax, praecipuus: aspetti della presenza di Cratino a Roma

Bianchi F
2017-01-01

Abstract

Nel presente contributo si è cercato di isolare alcuni momenti della ricezione della figura di Cratino nel mondo romano e di tracciarne un sintetico profilo da un epoca in cui i suoi testi erano ancora con certezza disponibili e verisimilmente letti (fino al II-III sec. d.C.), a una in cui, ormai, le sue opere sono note solamente tramite citazioni di seconda mano: la sua presenza all’interno di riflessioni di poetica, in Orazio e in Persio, la sua connotazione come poeta dell’ਕȡȤĮ૙Į (prisca comoedia) e, quindi, l’irruenza e la franchezza dei suoi attacchi (audax), la sua menzione all’interno della triade dei commediografi dell’archaia, a partire ancora da Orazio che riprende con verisimiglianza un canone ellenistico, e quindi il suo esserne considerato uno degli autori più rappresentativi (praecipuus), fino alla sua menzione in trattati sulla storia dei generi drammatici, che gli riconoscono la già menzionata preminenza, e in opere di metrica, nelle quali sono richiamate caratteristiche peculiari della sua arte versificatoria.
Bianchi, F
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
BSL 2017.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Non specificato
Dimensione 330.36 kB
Formato Adobe PDF
330.36 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11383/2145279
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact