Il presente scritto, prendendo spunto da una delle prime pronunce giurisprudenziali in tema di infedeltà patrimoniale nei gruppi, si interroga sulla natura della clausola di cui all'art. 2634, comma 3, c.c., e sul possibile coordinamento della stessa con la previsione di cui all'art. 2497, comma 1, parte 2, in materia da responsabilità da direzione e coordinamento. In particolare, si prende posizione sulla teoria dei cd. vantaggi compensativi, individuando i criteri di compensazione ritenuti più adeguati nell'ottica di tutela dei soggetti pregiudicati dalle politiche di gruppo.

Vantaggi compensativi e infedeltà patrimoniale (dalla compensazione "virtuale" alla compensazione "reale"): alcune riflessioni alla luce della riforma del diritto societario

CODAZZI, ELISABETTA
2004

Abstract

Il presente scritto, prendendo spunto da una delle prime pronunce giurisprudenziali in tema di infedeltà patrimoniale nei gruppi, si interroga sulla natura della clausola di cui all'art. 2634, comma 3, c.c., e sul possibile coordinamento della stessa con la previsione di cui all'art. 2497, comma 1, parte 2, in materia da responsabilità da direzione e coordinamento. In particolare, si prende posizione sulla teoria dei cd. vantaggi compensativi, individuando i criteri di compensazione ritenuti più adeguati nell'ottica di tutela dei soggetti pregiudicati dalle politiche di gruppo.
Codazzi, Elisabetta
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Elisabetta_Art_1.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: DRM non definito
Dimensione 3.43 MB
Formato Adobe PDF
3.43 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11383/7123
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact