Cosa fare nell’eventualità di un contatto con altri esseri intelligenti non terrestri? Rispondere o no; cosa eventualmente dire; e, soprattutto, quale metodo seguire per comunicare con esseri di cui non conosceremmo praticamente nulla? Su questi interrogativi dal 2001 svolge una riflessione sistematica un gruppo di lavoro nell’ambito del SETI, il programma che cerca possibili segnali di altre civiltà attraverso i radiotelescopi.

La comunicazione interstellare nel programma SETI

MUSSO, PAOLO
2005

Abstract

Cosa fare nell’eventualità di un contatto con altri esseri intelligenti non terrestri? Rispondere o no; cosa eventualmente dire; e, soprattutto, quale metodo seguire per comunicare con esseri di cui non conosceremmo praticamente nulla? Su questi interrogativi dal 2001 svolge una riflessione sistematica un gruppo di lavoro nell’ambito del SETI, il programma che cerca possibili segnali di altre civiltà attraverso i radiotelescopi.
KOS
SETI; Cocconi; Morrison; Frank Drake; Jill Tarter; SETI Institute; ATA; Cros; Nieman; messaggio di Arecibo; codice binario; comunicazione culturale; Yvan Dutil; messaggio di Evpatoria; Freudenthal; Lincos; Tolosa; analogia; SETI Post-Detection Protocol; valori comuni; principio di sussidiarietà.
Musso, Paolo
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11383/7678
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact