«Razionale sfruttamento del suolo» e realizzazione di «equi rapporti sociali» nella giurisprudenza della Corte costituzionale italiana