Laicità e religione civile: qualche osservazione su un “matrimonio dispari”