Perché discutere (ancora) di alternativa tra contratto e rapporto di lavoro?